Intervento di rinoplastica secondo il Dott. Paolo Marconi

Autore:

La Rinoplastica è un intervento di chirurgia estetica al naso che ha come scopo quello di migliorare l’aspetto del naso creando la giusta armonia del volto. Un naso grosso, a patata, con la gobba, un naso lungo, grazie alla rinoplastica può essere modificato divenendo bello e proporzionato al viso.

629130
Dott. Paolo Marconi

La chirurgia plastica al naso riporta il giusto equilibrio nella fisionomia e la scelta di un chirurgo specializzato nella rinoplastica rende possibile avvicinarsi ai desideri del paziente.

Abbiamo intervistato il Dott. Paolo Marconi, specialista in rinoplastica estetica e funzionale nel suo splendido studio a Milano e tra medicina, creatività ed arte, abbiamo affrontato, con uno dei migliori chirurghi in Italia, temi quali la rinoplastica e i suoi principali rischi, ma abbiamo parlato anche delle modalità di intervento, del post-operatorio e delle aspettative dei pazienti.

Il Dott.Marconi è tra i pochissimi in Italia ad applicare l’intervento per via sottomucosa, evitando cicatrici e massimizzando il risultato estetico.

b1402234a1402235
Rinoplastica foto prima e dopo

Dott. Marconi come definirebbe artisticamente l'intervento di rinoplastica?

La rinoplastica è un rimodellamento del naso. I pazienti che vengono da noi hanno come fine quello di creare armonia tra il naso, il volto e tutto il corpo.

Artisticamente definirei un intervento di rinoplastica come l’armonia dei volumi: questa è l’essenza della bellezza.

WhatsApp Image 2018 10 20 at 10.33.20
Studio del Dott. Marconi

Quali sono le accortezze che si devono avere durante il post operatorio di rinoplastica?

Sono quelle facilmente intuibili, dobbiamo stare molto attenti ai colpi che si possono prendere. Le situazioni più a rischio si registrano con pazienti a contatto con bambini e con cani e gatti.

È necessario naturalmente seguire le indicazioni del medico: per alcuni giorni non bisogna soffiarsi il naso e non è indicato fare movimenti eccessivi anche se, ho come esperienza diretta quella di alcuni calciatori di serie A che dopo la rinoplastica hanno seguito le indicazioni solo per 15 giorni, senza far registrare complicazioni post intervento.

Quali sono i rischi principali della rinoplastica?

I rischi legati all’intervento di rinoplastica possono essere di due tipi, quelli che riguardano le aspettative del paziente che non vengono rispettate e i rischi organogenetici, cioè quelli che hanno a che fare con una ciccatrizzazione anomala, delle dismorfie sulla piramide, dunque sulla punta, o sul dorso, insomma tutte quelle situazioni che possono essere normali dopo un qualsiasi intervento chirurgico e sono soprattutto non prevedibili.

Se il paziente non è soddisfatto del suo intervento cosa si può fare?

Sicuramente ad un paziente non soddisfatto prospetterei l'ipotesi di unacorrezione secondaria.

Se ad esempio il problema dovesse essere la forma, la rassicurazione immediata che darei sarebbe quella di reintervenire senza aggiunta di costi.

b1384415a1384416
Rinoplastica foto prima e dopo

Le assicurazioni possono rimborsare un intervento di rinoplastica funzionale?

Uno dei luoghi comuni da sfatare è quello che quando si parla di rinoplastica si pensa solo all’esterno del naso immaginando che si effettui rinoplastica funzionale solo nella parte interna del naso.

Non è così, un esempio può essere il caso in cui alzando la punta di un naso si riesce a risolvere un problema funzionale quale quello della valvola bilaterale del naso riuscendo a far respirare meglio chi, avendo un problema di valvola ha di conseguenza un problema di respirazione.

Tornando a parlare di assicurazioni, questo appena citato, nonostante sia un caso in cui una soluzione estetica con rinoplastica può risolvere un problema funzionale, non viene purtroppo rimborsato.

Dopo l'intervento di rinoplastica si evidenziano cicatrice esterne?

Le cicatrici esterne si possono avere soltanto se la tecnica usata è la tecnica open. Io, per esempio, non utilizzo mail la open ma faccio sempre tecniche chiuse.

L'unico intervento dall'esterno sono le fratture basali che si fanno, almeno io le faccio, con una sgorbia da un milimetro dall'esterno sulle branche montanti del mascellare, questo pur essendo un intervento dall'esterno il piccolo taglietto da un milimetro non si vede mai, quindi non esistono cicatrice esterne.

Che tipo di anestesia viene usata?

L'anestesia consigliata per un intervento di rinoplastica è quella generale.
Tutta la chirurgia estetica può essere eseguita con la sedazione controllata, ma la rinoplastica no, perché c'è troppa vicinanza tra il naso e le prime vie aeree e se un po' di sangue dovesse scende giù si dovrebbe intervenire d'urgenza.

Per questo è molto più comodo e giusto per il paziente usare l’anestesia generale tenendo le vie aeree superiori assolutamente distanti dalle vie areee inferiori con una separazione ben distinta.

È anche fondamentale per un intervento di rinoplastica avere il paziente totalmente immobile, cosa realizzabile con una anestesia generale.

Quanto dura la guarigione?

La guarigione dura da 6 mesi a 1 anno, quando viene fatta la valutazione finale del risultato. Questo è il tempo di guarigione previsto per una rinoplastica.

Non bisogna spaventarsi dunque se il naso è gonfio per parecchio tempo, è tutto normale e pian piano il gonfiore scenderà.

Qual è la differenza tra settoplastica e rinoplastica?

La differenza c’è ed è fondamentale: la settoplastica ha a che vedere con una soluzione funzionale del setto e delle parti interne del naso, le fosse nasali, la rinoplastica invece può essere pensata come una soluzione esterna del naso senza tralasciare il fatto che chi si interessa del fuori non può non interessarsi del dentro.

Fotolia 114778542 Subscription Monthly M Correzione della gobba del naso con rinoplastica

Per quanto tempo dopo l'operazione si dovrà portare il gessetto?

Le mie indicazioni prevedono che il paziente porti il gesseto dai 10 – 13 giorni a partire dal giorno subito dopo l'intervento. Non di più altrimenti può decubitare.

Esistono dei limiti di età per intervento di rinoplastica?

Durante i tanti anni di attività che ho alle spalle ho come esperienza quella di operazioni a bambini dai 7 – 12 anni. E' come una piantina che nasce storta, è inutile farla crescere storta, si mette dritta rispettando il lieve accrescimento del naso.

Quindi un bambino che si rompe il naso si può operare. Ho operato anche dei pazienti al di sopra di 70 anni. L’importante anche in questi casi particolari era rispettare le strutture funzionali.

b1384421a1384422
Rinoplastica foto prima e dopo

Quando il paziente le chiede quale sarà il risultato postoperatorio lei cosa risponde?

In genere le aspettative sono sempre molto soggettive e variano da paziente a paziente. Io, come medico, cerco di spiegare il percorso chirurgico, l’intervento nel dettaglio.

È così che il paziente riesce a sentirsi partecipe del progetto divenendo psicologicamente non più responsabili di se stessi ma coresponsabili, perché li ho messi al corrente di ogni cosa.

 

Pubblicato: 03.12.2018

Autore

Il Dott. Paolo Marconi, specializzato in Otorinolaringoiatria dal 1980 e in Chirurgia cervico-facciale dal 1983. Con all’attivo più di 4000 rinoplastiche ed interventi di chirurgia nasale è definito il maggior specialista in Chirurgia Estetica e Funzionale del naso. Opera a Milano e a Macerata.

Discussione al tema

Rinoplastica secondaria - Novità

Altre recensioni

Gli specialisti più vicini a te   
Calendario interventi dei pazienti