Per quanto tempo dopo l’operazione si dovrà portare la benda gessata?

Le informazioni contenute nelle discussioni del forum di Estheticon non possono assolutamente sostituire la consulenza individuale, l’anamnesi o la visita medica. Non possono condurre né a una diagnosi, né a una modalità di terapia da seguire.

Per quanto tempo dopo l’operazione si dovrà portare la benda gessata?

FAQ
FAQ
  • 155 Mi piace
Sto pensando di sottopormi ad un’operazione plastica al naso, ma mi preoccupa il fatto di dover portare la benda gessata. Per quanto tempo si dovrà portarla? Una volta effettuata l’operazione, dopo quanto tempo potrò tornare tra la gente?
STAR MEDICAL CENTER Ltd  |  Basic member  |  Milano
  • 132 risposte
  • 16 Mi piace
La rinoplastica è uno degli interventi più comuni in chirurgia plastica. A seconda si voglia correggere solo la forma del naso o anche il difetto di respirazione spesso presente (setto nasale deviato e/o ipertrofia dei turbinati), si usa propriamente il termine “rinoplastica” o “rino/setto/turbinoplastica”. Di solito, la correzione estetica e funzionale devono essere contemporanee (nel medesimo intervento), sia in quanto comportano tempi chirurgici comuni sia in quanto porzioni di cartilagine prelevate dal setto deviato vengono impiegate per il miglioramento estetico della punta e/o del dorso.
La rinoplastica può ridurre il gibbo nasale (comunemente detto “gobba”), ridurre o aumentare le dimensioni del naso, cambiare la forma della punta (ad esempio, troppo lunga oppure globosa), stringere o uniformare il dorso o il diametro delle narici, ed anche modificare l'angolo tra il naso ed il labbro superiore. Inoltre, impiegando tecniche specifiche, è di solito possibile per un chirurgo esperto, effettuando quella che si definisce “rinoplastica secondaria”, porre rimedio al cattivo risultato di una o più rinoplastiche già effettuate, solitamente migliorando anche la funzione respiratoria.
La rinoplastica oggi offre dei risultati decisamente migliori a quelli conseguibili alcuni anni orsono. Cio' e' stato possibile per il grande sviluppo e perfezionamento di tecniche alternative alla "rinoplastica classica", e rispetto ad essa più graduabili, precise e meno distruttive, soprattutto quelle della "rinoplastica aperta”. Tuttavia, la rinosettoplastica resta un intervento tra i più complessi in chirurgia plastica: le numerose variabili dell'anatomia di ogni singolo paziente rendono difatti fondamentale la massima accuratezza nel pianificare e poi eseguire l'intervento. Ciò richiede tempo adeguato e grande esperienza, in quanto sia che si richiedano modifiche minime o maggiori, sia di riduzione che di aumento, sia in casi di rinoplastica primaria che secondaria, terziaria ed oltre, in nessun caso l'intervento deve essere comunque ritenuto semplice e veloce. In pratica, oggi solitamente si può realmente “individualizzare” meglio il naso al viso del paziente, con un risultato effettivamente armonico ma "naturale", senza più ottenere sempre il tipico aspetto "standard" del "naso operato", concavo all'insù o con la punta stretta e "pinzata". Si possono eliminare i difetti specifici di "quel" naso ridistribuendo i volumi tra le diverse zone in modo armonico, ma senza sconvolgerne la forma, risultandone così un naso in sintonia naturale con il resto del viso. I criteri estetici attuali, come è evidente anche nel mondo della moda e dello spettacolo, si sono evoluti e raffinati, e parimenti si sono fatte più sofisticate le tecniche e gli strumenti chirurgici. Il trauma chirurgico causato dall'intervento è divenuto modesto, ed il dolore postoperatorio assente. Ciò comporta tempi operatori un po' più lunghi rispetto al passato, ma con, appunto, un risultato assai più naturale, di grande soddisfazione per il paziente. Di solito, poi, è anche necessario affrontare nello stesso intervento il problema funzionale (respiratorio), spesso presente.
Dott. Maurizio Baldo M.D.  |  Basic member  |  Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica  |  Padova, Vicenza, Arzignano
  • 64 risposte
  • 13 Mi piace
il gessetto verrà mantenuto per 7 giorni. successivamente io applico dei cerotti sulla pelle per altri 7 giorni.
Dott. Ripoli Ranieri Ph.D.  |  Basic member  |  Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica  |  Murcia, Valencia Firenze
  • 93 risposte
  • 3 Mi piace
15 giorni "non trattabili"
Mariaforever  |  Visitatore  |  Lombardia
  • 1 risposte
  • 1 Mi piace
Dovrei sottopormi all intervento del naso x rimpicciolirlo e storto grosso brutto... Ho tanta paura soprattutto l idea di portare i tamponi mi fa morire... Di da l impressione di nn riuscire a resp bene solo con la bocca... X quanto tempo bisogna portarli???
Dott. Carlo Magliocca  |  Premium member  |  Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica  |  Roma
  • 1482 risposte
  • 836 Mi piace
Cortese Maria Le rispondo sinteticamente:
1) Intervento in anestesia locale e sedazione
2) Durata intervento max 1 ora
3) Day Surgery ovvero senza degenza
4) Tamponi per 24 ore se non si esegue settoplastica, 72 ore se concomita settoplastica
5) gessetto per dieci giorni
6) Costo totale 6000 euro
Se desidera cerchi i miei recapiti sul web. Sarò contento di poterla
operare
Carlo Magliocca

Chiedi allo specialista nel campo di Rinoplastica

Dott. Gianluca Campiglio
Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, Milano, 30 anni di esercizio della professione
52 recensioni

Altre recensioni

Rinoplastica - Video correlati

Gli specialisti più vicini a te